Programma della disciplina: Modellistica [T] A.A. 2021-22


Disciplina: Modellistica [T] A.A. 2021-22
Docente: Maria Antonietta, Tovini
E-mail: mariaantonietta.tovini@albertina.academy
Livello: triennio
Piani di studio di riferimento: pitturadecorazionescenografiapai
Area disciplinare:
Descrizione corso:

OBIETTIVO DEL CORSO

Il corso ha l’obiettivo di fornire agli studenti le necessarie competenze teoriche e tecniche per la realizzazione di “un modello” inteso come rappresentazione tridimensionale dell’idea progettuale.
Lo studente nel processo di rappresentazione, dall’idea progettuale espressa graficamente alla realizzazione tridimensionale miniaturizzata, definisce intenti, obiettivi: emozionali, formali ed estetici, registico-interpretativi, funzionali e tecnico-costruttivi che potranno essere perseguiti grazie all’acquisizione di una metodologia progettuale applicata alle diverse fasi del processo ideativo.
La realizzazione di un modello in scala, che formalizza l’ipotesi iniziale, è passaggio fondamentale per lo studente che, implicitamente, compie analisi e valutazioni complesse, prefigura un quadro ampio e articolato per conseguire la miglior strategia possibile. Il percorso di realizzazione permette allo studente di verificare e valutare la coerenza dell’idea originaria con la realtà scenica o nel caso di un oggetto/prototipo con la fattibilità industriale, senza tralasciare la funzione comunicativa che il modello assolve nei confronti delle diverse figure professionali coinvolte.
Convinta sostenitrice del rinnovato valore che la Modellistica sta ottenendo in campo internazionale, grazie alle nuove potenzialità dei “modelli imitanti oggetti” nei set dei film di animazione, nella promozione pubblicitaria e considerata la rilevanza in campo artistico (Mock up), invito gli studenti ad “utilizzare” il corso anche per la propria ricerca creativa personale.

PROGRAMMA DEL CORSO

o “Il modello” dall’idea progettuale alla realizzazione tridimensionale.
o Modelli miniaturizzati, concetti storici e sviluppo contemporaneo.
o Rappresentazioni grafiche delle piante, prospetti e sezioni, quotature adeguate alle scale di rappresentazione
o I diversi tipi di “modello” tridimensionale, rappresentazione e percezione dello spazio, storia e funzione contemporanea del “modello di scena”, del modello di prova o prototipo.
o Studio e applicazione di materiali e tecniche di costruzione.
o Scelta dei materiali e delle tecniche di costruzione in relazione al proprio progetto personale
o Realizzazione del “modello” tridimensionale in scala.

Bibliografia:

Durante il corso verranno fornite dispense di sintesi tratte dalla bibliografia utilizzata a lezione

o Bruno Munari Da cosa nasce cosa, appunti per una metodologia progettuale, Laterza, Bari 2017
o Andrea Pinotti e Antonio Somaini, Cultura visuale Immagini sguardi media dispositivi, Einaudi, Torino 2016
o Franco Purini, Comporre l’architettura, Editori Laterza, Bari 2005
o Franca Salvarani, La costruzione del modello architettonico, Di Baio Editore. Milano1993
o Alessandra Pagliano Il disegno dello spazio scenico. Prospettive illusorie ed effetti luminosi nella scenografia teatrale, Hoepli Editore, 2002.
o Keith Orton, Model making for the Stage. A Practical Guide, Paperback, 2004
o Thea Brejzek and Lawrence Wallen, The Model as Performance, Staging Space in Theatre and Architecture (Performance and Design), Paperback 2018.
o Susannah Shaw, Stop Motion: Craft Skills for Model Animation, CRC Press, 2017
o Paul Jackson, Foglio & forma, Pop-up ceativi,. Logos, Modena 2014
o Patrick Baty, The Anatomy of Colour, Thames & Hudson Ltd, London 2017
o Patrick Syme, Werner’s Nomenclature of colours By P. Syme (1821), Natural History Museum, London 2017
o Pietro Polato Il modello nel design la bottega di Giovanni Sacchi, Hoepli Editore. Milano 2000
o Due secoli di progetto scenico. Dalla prospettiva alla scenografia, La città di Brera, Mondadori Editore, Milano 1999
o Bruno Mello, Trattato di scenotecnica, Editore De Agostini, 1979
o Gino Copelli, Manuale pratico di scenotecnica, le macchine teatrali, Pàtron Editore, Bologna 2006.

Orari

Secondo semestre

Giovedì: 09:00 - 13:00

Orario di ricevimento:

Giovedì dalle 14.00 alle 15.00 su appuntamento

Previsti esoneri: No
Previste revisioni:
Informazioni revisioni:

Revisioni di verifica

Altre informazioni:

DIDATTICA DEL CORSO

Lezioni teoriche e di laboratorio.
Lavoro individuale e di gruppo.

METODO DI VALUTAZIONE PER L’ESAME

Progetto individuale concordato in classe con presentazione e descrizione visuale delle fasi di progettazione e di realizzazione Presentazione del modello in scala completo di tutte le sue parti.

Torna ai programmi [TheChamp-Sharing]