Programma della disciplina: Storia dell’arte contemporanea [B] A.A. 2020-21


Disciplina: Storia dell’arte contemporanea [B] A.A. 2020-21
Docente: Gabriele, Romeo
E-mail: gabriele.romeo@albertina.academy
Livello: biennio
Piani di studio di riferimento: pitturasculturadecorazionegraficascenografiantapaicomunicazionedidattica
Area disciplinare:

Stile, storia dell’arte e del costume

Descrizione corso:

“Matter and non matter:
the clash of contemporary artistic iconography”

BIENNIO

La Geek-Art quale nuova pratica artistica prodotta dalla “net generation” formula una rimodulazione semantica dall’iconografia pittorica e scultorea della grande arte moderna. La pratica dell’esplosione di questa ricercata ed ironica forma linguistica può rintracciarsi nel concetto idealizzato dell’affiche praticato nel primo Novecento; si pensi all’Aerosilografia del Manifesto Futurista di Renato Di Bosso o alla quieta geometrizzazione nelle campiture dipinte da Enrico Prampolini per spostarsi, anni più tardi, in quell’incursione visiva destinata alla comunicazione del “design percettivo” in tutti quegli artisti che appartennero alle varie stagioni della “pop art”, del “Neo-Dada” (Yves Klein, Robert Rauschenberg, Claes Oldenburg) e del “Nouveau Réalisme” (César, Daniel Spoerri, Mimmo Rotella).
R. Hamilton, Warhol e Lichtenstein, distintamente, generarono e diffusero, cambiandone il comportamento, un linguaggio visivo popolare derivato da quella felice espressione “pop art” propriamente definita da Lawrence Alloway.
La seconda ondata della “pop art” si interpose tra i sentimenti di universalizzazione delle problematiche sociali, con Keith Haring, e subito dopo la sua morte – con la caduta del Muro di Berlino il 9 novembre 1989 – la società di fine millennio si addentrò ad esplorare una nuova “emulazione dell’immagine effimera”.
Le pratiche artistiche degli anni Novanta rappresentarono lo spartiacque delle nuove forme di declinazioni desunte dalla ‘pop art”, infatti si assistette alla nascita di quel filone semantico rappresentato dalle ricerche visive proposte da Jeff Koons con la “Neo-Geo”, e a seguire da Damien Hirst.
L’investigazione sulla crisi del gesto materico, tra diacronia e sincronia, converge in un processo assimilato dall’artista del nostro tempo che dialoga con le sue opere insieme al vasto pubblico di fruitori, utilizzando modalità espressive globali e locali, analogiche e digitali, fisiche e immateriali, pittoriche ed extrapittoriche, dalle esposizioni internazionali, alla street art con Banksy, dalle eclettiche forme antropomorfe di Paul McCarthy, ai fenomeni incursivi della crypto art.

Nel corso generale si approfondiranno il Gruppo Gutai (Jirō Yoshimara e Shōzo Shimamoto), la pittura informale di Emilio Vedova, e le ricerche artistiche di Anselm Kiefer, Mimmo Paladino, Peter Greenaway.

Bibliografia:

Per il corso generale il testo da studiare per l’esame è il seguente:
– M. Kemp, L’arte nella storia, 600 a.c. – 2000 d.c., Bollati Boringhieri, 2020 (2014).
– V. Trione, L’opera interminabile, Arte e XXI secolo, Einaudi, 2019.

Bibliografia di riferimento degli argomenti trattati durante le lezioni:
– T. Olivri, Total Geek-Art, a celebration of Pop Culture, Cernunnos (Abrams), 2020.
– G. Marini e F. Parisi (a cura di) I Futuristi e l’incisione, Edizioni Fondazione Ragghianti, Studi sull’Arte, Lucca, Silvana Ed., 2018.
– S. Antonelli, G. Marziani, A. Andipa (a cura di), Ritratto di ignoto, l’artista chiamato Banksy, SAGEP Ed., 2020.

Per il corso monografico relativo all’arte informale, “il verri” n.3 del 1961, da:
– M. Passaro (a cura di), L’INFORMALE, Mimesis, 2010.

Orari
Previsti esoneri: No
Previste revisioni: No
Altre informazioni:

Ai fini dell’esame allo studente è richiesta conoscenza della lingua italiana, capacità espositive e conoscenza della lingua inglese. Lo studente dovrà studiare uno dei testi indicati tra quelli consigliati ed approfondire un argomento a scelta tra quelli trattati durante le lezioni.

Ulteriori dispense saranno messe a disposizione degli studenti a cura del docente e condivise su Classroom.

Torna ai programmi [TheChamp-Sharing]