Programma della disciplina: Storia e Metodologia della Critica d’Arte [B] A.A. 2021-22


Disciplina: Storia e Metodologia della Critica d’Arte [B] A.A. 2021-22
Docente: Gabriele, Perretta
E-mail: gabriele.perretta@albertina.academy
Livello: biennio
Area disciplinare:
Descrizione corso:

Premesse:
Propedeutica e Istituzioni di “Critica d’arte” per il Biennio. Le lezioni del corso propongono l’esame dell’identità della disciplina, attraverso un excursus storico incentrato sui concetti chiave della critica d’arte e sulla loro evoluzione, ovvero un percorso di approfondimento della sua storia e della sua attualità, realizzato con l’uso di diversi mezzi di interpretazione dell’opera.
Finalità ed obiettivi:
Attraverso un approccio monografico, si cercherà di fornire allo studente un metodo comparativo tra differenti metodologie della critica, facendo emergere la stretta relazione tra momento teorico e creazione degli artefatti.
Metodi:
Il programma prevede una prima parte, durante la quale si farà un excursus generale sui caratteri storici, teorici e metodologici degli eventi artistici e della critica d’arte, ed una seconda parte in cui verranno presi in considerazione alcuni esempi di metodologie interpretative affini al «campo ristretto o diffuso del commentario e dell’inventiva» delle arti contemporanee. In che modo l’opera tiene conto del suo spettatore? Come ne anticipa i tratti e il profilo? In che misura confessa di averne bisogno? E fino a che punto se ne assume la guida? E’ attorno a simili domande che il corso del Biennio ruota. Il punto di partenza è rappresentato dalla convinzione che il campo della critica già in se stesso ipotizzi un interlocutore ideale e ne delinei le caratteristiche essenziali. Dunque il lettore è qualcuno di prefigurato già nella scrittura critica: chi siede davanti all’opera, ed è documentato sulla letteratura artistica che l’accompagna, deve confrontarsi con un simile disegno interpretativo – magari per rovesciarlo – se vuole riconoscersi per quello che è.
Strumenti:
In riferimento ai temi trattati nelle lezioni, verranno proposti materiali editoriali e multimediali di confronto e di riflessione, progetti artistici ed espositivi, anche su proposta degli studenti, oltre a quelli presentati dal professore. Il “fra le immagini” è un luogo di raccordo e dispersione, è il luogo in cui la certezza di ciò che vedo si infrange contro il dubbio di ciò che mi sembra di vedere o di avere, anche solo per un attimo (intra)visto. Da questo luogo la critica osserva le arti, in un momento storico in cui neanche le tecnologie, neanche i dispositivi più rodati, possono garantirne l’identificazione.
Modalità d’esame:
Per sostenere l’esame bisogna scegliere tre testi, di cui uno della parte generale e due di qualsiasi altra sezione. Chi fa un percorso particolare può scegliere insieme al Prof. i tre testi più la parte della tesina. L’elaborato scritto non deve superare le quattro cartelle e deve contenere lo schema del percorso tematico sviluppato per la prova orale. Sarà indispensabile, per iscriversi e sostenere l’esame, la frequenza. Sarà opportuno un colloquio con il professore, se si vuole aggiungere alla parte istituzionale del programma una tesina, o concordare qualche lettura alternativa.

Bibliografia:

Parte Generale/Testi di riferimento:
– Charles Baudelaire, Scritti sull’arte, pref. di E. Raimondi, tr. it. di G. Guglielmi ed E. Raimondi, Einaudi, Torino, 1992.
– Lionello Venturi, Storia della Critica d’Arte, Einaudi, Torino, 1964.
– Giulio Carlo Argan, Arte e critica d’arte, Laterza, Bari, 1984.
– Walter Benjamin, Il concetto di critica d’arte nel Romanticismo tedesco, a cura di Nicolò P. Cangini, Coll. Filosofie, Mimesis, Milano, 2017.
– Walter Benjamin, L’opera d’arte … nell’epoca della sua riproducibilità tecnica, Ed. int. comprensiva delle cinque stesure, a cura di F. Desideri e M. Montanelli, NB Donzelli, Roma, 2019.
– Arnold Hauser, Philosophie der Kunstgeschichte [1958]; tr.it. di G. Simone: Le teorie dell’arte. Tendenze e metodi della critica moderna, Einaudi Editore, tiratura più recente nei Reprints, 1974.
– Gianni Carlo Sciolla, La critica d’Arte del Novecento, Utet, Torino, 1995.
– AA.VV.; a cura di Orietta Rossi Pinelli, La Storia delle storie dell’arte, Einaudi Torino 2014 (in particolare pp. 320-473).
Sezione 1
Metodologie Generali applicate:
– T.W. Adorno, Critica della cultura e società (1949), in Prismi. Saggi sulla critica della cultura, Einaudi, Torino, 2018.
– Andrè Chastel, Specchi della critica. Da Baudelaire a Panofsky, Medusa Milano 2018.
– Filiberto Menna, La linea analitica dell’arte moderna. Le figure e le icone, Einaudi, Torino, 2001.
– Pierre Francastel, Lo spazio figurativo dal Rinascimento al Cubismo, trad. di A.M. Mazzucchelli, Torino, Einaudi, 1957; oppure Mimesis, Milano, 2005.
– Peter Burger, Teoria dell’avanguardia [1974], edizione italiana a cura di R. Ruschi, Bollati Boringhieri, Torino, 1990.
– Gilles Deleuze, Da che cosa si riconosce lo strutturalismo, ora in Lo strutturalismo, Editore SE, Collana: Piccola enciclopedia, a cura di S. Paolini, novembre 2017.
– Omar Calabrese, Il linguaggio dell’arte, Bompiani, Milano, 2002.
– Lev Manovich, Il linguaggio dei nuovi media, Edizioni Olivares, Milano, 2002.
– Jurij M. Lotman, Il Girotondo delle Muse. Saggi sulla semiotica delle arti, Intr. di C. Segre, Moretti & Vitali, Bergamo, 1998.
– Roland Barthes, L’ovvio e l’ottuso. Saggi Critici III, PBE Piccola Biblioteca Einaudi, Saggistica Letteraria e Linguistica, Einaudi, Torino, 2001.
– Gilles Deleuze, Critica e clinica (1993), tr. A. Panaro, Cortina, Milano, 1996.
– Michel Foucault, Illuminismo e critica, a cura di P. Napoli, Saggine, n. 25 Donzelli, Roma, 1997.
– L. Marin, Della Rappresentazione, Meltemi, Roma, 2002.
– Meyer Schapiro, Per una semiotica del linguaggio visivo, Meltemi Editore, Roma, 2002.
– V. Stoichita, L’invenzione del quadro, Il Saggiatore, Milano, 2003.
– Peter Bürger, Teoria dell’avanguardia, ed. it. a cura di R. Ruschi, Bollati Boringhieri, Torino, 1990.
– Regis Debray, Vita e morte dell’immagine. Una storia dello sguardo in Occidente, Editrice Il Castoro, Milano, 1999.
Sezione 2
Esperienze applicate – Itinerari metodologici del contemporaneo:
– Gabriele Perretta, Medialismo, Flash art Book, Politi Editore, Milano, 1993.
– Gabriele Perretta, art.comm, Castelvecchi, Roma, 2002.
– AA.VV., Nel tempo dell’adesso. Sulla critica delle 18 tesi di filosofia della storia, a cura di Gabriele Perretta, Mimesis, Milano, 2002.
– AA. VV., Media.comm (unity) / comm. Medium, a cura di Gabriele Perretta, Mimesis, Milano, 2004.
– Gabriele Perretta, s.Finiti dall’arte. Sul lavoro ed altri travagli, Mimesis, Milano, 2004.
– Gabriele Perretta, Sulle tracce storiche dell’immagine mediale, in AA.VV., Neo televisione. Elementi di un linguaggio catodico glocale, Costa & Nolan, Milano, 2005.
– Gabriele Perretta, I mestieri di Ergon, Mimesis, Milano, 2005.
– Gabriele Perretta, La critica e lo scetticismo mediatico (originariamente in n. 19, dic.-feb. 1995-96 de La Stanza Rossa), e poi in AA.VV., La Stanza Rossa. Trasversalità artistiche e realtà virtuale negli anni ’90, Costa & Nolan, Milano, 2008.
– Gabriele Perretta, La nuova sfida della ricombinazione, in AA.VV., La letteratura nell’era dell’informatica, Bevivino, Milano, 2008, in particolare pp. 241-332.
– Gabriele Perretta, , con protopitture di Rodrigo Blanco, Affinità Elettive Editrice, Ancona, 2019.
– Gabriele Perretta,Post-fazione al Dossier Dalla Naftalina alla Luna, in AA. VV., Dalla Naftalina alla Luna, a cura di Rita Vitali Rosati, Affinità Elettive, Ancona, 2021, in part. pp. 265-302 e poi ancora 105-116.
– Gabriele Perretta, Prima e dopo la pandemia. Il fumetto trasumano, in AA. VV., a cura di Gabriele Romeo, L’Intervallo Sospeso. Connettoma cronico dell’arte, Mimesis, Milano, 2021.
– Gabriele Perretta, Critica in.finita (1). Raccontare le avventure della propria anima in mezzo ai capolavori, L’Age d’or 2020, online: Critica in.finita (1) | L’AGE D’OR (wordpress.com)
Si possono prendere in considerazione scelte di articoli e saggi del Prof. Gabriele Perretta, nelle seguenti riviste, anche di libera consultazione on line:
– Segno. Attualità Internazionali d’Arte Contemporanea, edizioni cartacee Roberto Sala Pescara, numeri degli ultimi 3 anni e inoltre sulla stessa rivista online, ovvero Gabriele Perretta, Autore presso Segnonline si può contare sull’ampia scelta che offre la rubrica della testata.
– Espoarte sia cartacea che online i testi di Gabriele Perretta: a partire dall’ultimo numero 115; #acasatuttibene. GABRIELE PERRETTA: una corretta pedagogia dei bisogni | Espoarte.
– Vedi anche: Juliet Art Magazine, con la rubrica Sign.Media sul cartaceo e gli interventi online su https://www.juliet-artmagazine.com/
– Per la rivista Exibart cartacea & online: https://www.exibart.com/autore/gabriele-perretta/
– Rivista dell’Archivio di Stato di Napoli: Grand’A: https://www.archiviodistatonapoli.it/page/16/
– L’Age d’or, online: Critica in.finita (1) | L’AGE D’OR (wordpress.com)
Per un confronto fra le arti visive e il cinema, propongo un elenco di film, sulle condizioni sociali della critica e del suoi rapporti con i temi che ho trattato in «art.comm» (in bibliografia vedi Gabriele Perretta, Roma, 2002):
– Orson Welles, F for Fake, Film 1973.
– Giuseppe Tornatore, La Migliore Offerta – Film 2013.
– Werner Herzog: Lo and Behold – Internet: il futuro è oggi – Film (2016).
– Ruben Östlund: The Square – Film (2017).
– Giuseppe Capotondi, La tela dell’inganno, Film – 2019.
– Remi Bezancon, Il Mistero di Henri Pick, Film – 2019.
– Dan Friedkin, THE LAST VERMEER, Film – 2019.

Orari

Primo semestre

Mercoledì: 11:00 - 13:00

Orario di ricevimento:

Al termine delle lezioni, per coloro che ne facessero richiesta, seguiranno i colloqui individuali dalle 13,00 alle 13,30.

Previsti esoneri: No
Previste revisioni: No
Altre informazioni:

Info generali:
– Presentazione del corso: mercoledì 3 novembre ore 10-12 [Triennio e Biennio]
– prof. Gabriele Perretta e-mail: gabriele.perretta@albertina.academy
– Codice classroom: Storia e metodologia della critica d’arte – Biennio: 3yc4tfd
– Orario Biennio: mercoledì ore 11-13
– Al termine delle lezioni, per coloro che ne facessero richiesta, seguiranno i colloqui individuali dalle 13,00 alle 13,30.

Torna ai programmi [TheChamp-Sharing]