Programma della disciplina: Grafica d’arte


Disciplina: Grafica d’arte
Docente: Franco, Fanelli
E-mail: franco.fanelli@albertina.academy
Livello: Biennio
Piani di studio di riferimento: Grafica
Area disciplinare: Grafica d'arte
Settore scientifico disciplinare: Grafica d'arte
Descrizione corso:

Il programma del Corso è dedicato al significato, alle funzioni e all’utilizzo del segno grafico nella produzione artistica. L’espressione grafica, elemento fondante della comunicazione, abbraccia le più vaste applicazioni; a completare il percorso sono dunque, nelle rispettive autonomie didattiche, i corsi specifici inseriti nell’offerta formativa.

Si sottolinea l’indirizzo prevalentemente artistico del corso, soprattutto del corso di indirizzo, che richiede allo studente un interesse specifico per le discipline della grafica a stampa manuale, condizione indispensabile per intraprendere un indirizzo di studi che solo tangenzialmente affronta altri ambito della grafica.

Ciò premesso, il programma sarà quanto più possibile modellato sulle esigenze individuali degli iscritti, presumendo che gli stessi abbiano individuato almeno in parte, durante il triennio, i propri obiettivi di ricerca. Di qui l'apertura ad espressioni e contributi multidisciplinari. Indispensabile, ovviamente, un preventivo e tempestivo confronto con il docente, a inizio lezioni, in orari che sarenno comunicati in sede di presentazione del Corso.

Bibliografia:

La biografia è scandita in due sezioni. La prima  è comprensiva di testi letterari e poetici, con un'appendice filmografica. La seconda è stata valutata in base alle prevedibili esigenze di tutti gli studenti di un corso di grafica d'arte iscritti ad un'Accademia di Belle Arti.
Benché il docente la ritenga una mortificante esortazione (considerata l'età degli studenti e le finalità di una scuola universitaria), si sottolinea l'importanza della consultazione la più  vasta possibile della bibliografia da parte degli iscritti.

Prima sezione

Ovidio, Le metamorfosi, ed. Enaudi 2015
John Donne, Poesie amorose, poesie teologiche, ed. italiana Einaudi 1971
Henri Focillon, Elogio della mano, nuova edizione, Castelvecchi, 2014 (prima edizione 1939)
Jorge Luis Borges, Finzioni (prima edizione 1944), Adelphi 2003
Jorge Luis Borges, L'Aleph (prima edizione 1949), Adeplhi 1998
Michail Bulgakov, Il maestro e Margherita, (prima edizione, postuma, 1967), Einaudi 2014
Furio Jesi, Letteratura e mito, Einaudi, 1968 (il terzo saggio)
Hans Magns Enzensberger, Mausoleum, (prima edizione 1975), Einaudi 2018
Charles Simic, Il cacciatore di immagini, Adephi,1992
Pascal Quignard, L'incisore di Bruges, Frassinelli, 2000
Christoph Ransmayr, Il mondo estremo, ed. riveduta, Feltrinelli 2003
László Krasznahorkai, Melancolia della resistenza. Bompiani 2018

Filmografia:

Peter Greenaway, Il mistero dei giardini di Compton House, 1982
Amos Poe, Alphabet City, 1984
Derek Jarman, Caravaggio, 1986
John Maybury, Love Is the Devil, 1998
Aleksandr Sokurov, Faust, 2010
Florian Henckel, Opera senza autore, 2018

Per la seconda sezione della bibliografia, comprensiva di manualistica tecnica, cfr. programma triennio Tecniche dell'Incisione-Grafica d'Arte – prof. Franco Fanelli

  • Altrettanto necessarie (in assenza lo studente non sarà ammesso agli esami) sono la costante visita alle mostre d’arte antica, moderna e contemporanea almeno a Torino, la conoscenza dei musei torinesi (Egizio, Galleria Sabauda, Palazzo Madama, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Fondazione Merz, Camera, Castello di Rivoli) e la frequentazione regolare delle principali gallerie private torinesi d’arte contemporanea (Persano, In Arco, Norma Mangione, , Guido Costa, Franco Noero, Peola, Photo & Co.) e la regolare consultazione delle riviste specializzate, anche in versione on line qualora possibile (“Il Giornale dell’Arte”, “Flash Art”, “Art Forum”, “Mousse").
 È infine obbligatoria la costante informazione circa i “fatti” dell’arte attraverso la regolare lettura delle pagine d’arte di almeno uno dei maggiori quotidiani: “Il Corriere della Sera”, “Il Sole 24 Ore”, “La Repubblica” e “La Stampa”.
  •  
Orari:

In entrambi i semestri:

Lunedì 9-13/14-18
Martedì 14-18

Orario di ricevimento:

lunedì 14-16

Previsti esoneri:
Informazioni esoneri:

No

Previste revisioni: No
Altre informazioni:

Per il materiale necessario per le tecniche dell'ìincisione, cfr. programma triennio – prof. Fanelli

 

Norme di prevenzione infortuni aule di Tecniche dell’incisione- Grafica d’arte

Per l’utilizzo di alcuni materiali e attrezzature in dotazione del Corso di Tecniche dell’Incisione – Grafica d’Arte, sia nel triennio sia nel biennio, è indispensabile l’osservanza di alcune norme anti-infortunio.

In particolare, è vietato accedere alle vasche di morsura contenenti acidi e altri tipi di mordenti senza indossare adeguate protezioni, quali guanti, mascherina con filtro e occhiali anti-acido. Lo stesso dicasi per le lavorazioni legate a uso di solventi e di polveri come bitume e colofonia, per le quali è obbligatorio indossare idonei guanti e mascherine.
Altre precauzioni sono richieste in prossimità delle piastre termiche, che possono raggiungere elevate temperature. Senza l’assistenza dei docenti, sono proibiti l’uso della cesoia taglia-lastre e della molatrice-spazzolatrice elettrica e di qualsiasi altro strumento a motore o elettrico in dotazione al Corso.


Lo studente attivo in laboratorio dovrà adottare un abbigliamento idoneo. In particolare, è obbligatorio indossare un camice in tutte le fasi di lavorazione. Sono sconsigliati bracciali, collane, calzature aperte e capelli lunghi non raccolti.

È tassativamente proibito l’accesso degli studenti ai laboratori al di fuori del regolare orario del Corso. È vietato consumare pasti all’interno dei laboratori.

È vietato l’accesso ai laboratori ai non iscritti al Corso e a tutti gli iscritti in assenza dei docenti.


Gli studenti che soffrano di comprovate e documentate allergie legate alle sostanze utilizzate nei laboratori (in particolare solventi, bitume e colofonia) sono tenuti a informarne i docenti, che provvederanno a stabilire programmi alternativi.

Durante le lezioni è ovviamente vietata l’assunzione di bevande alcoliche e di altre sostanze che possano alterare il comportamento. In difetto, sarà cura dei docenti procedere alla denuncia presso le autorità competenti.

In caso di infortunio lo studente dovrà immediatamente informare dell’accaduto i docenti. Se impossibilitato, tale prescrizione vale per eventuali testimoni.

Gli iscritti sono tenuti a osservare le norme indicate negli appositi cartelli affissi in aula circa la prevenzione infortuni. Non saranno ammessi al laboratorio gli studenti privi dell'attrezzatura anti-infortunistica. Gli studenti che durante le fasi laboratoriali che lo richiedano non adotteranno le misure di protezione prescritte saranno allontanati e, nel caso di reiterati analoghi comportamenti, saranno segnalati alla direzione per idonee misure disciplinari. I docenti, in assenza delle predette norme, non assumono alcuna responsabilità

 

 

<   Torna ai programmi