Programma della disciplina: Rendering 3D – Modulo 2


Disciplina: Rendering 3D – Modulo 2
Docente: Riccardo, Gagliarducci
E-mail: riccardo.gagliarducci@albertina.academy
Livello: Biennio
Piani di studio di riferimento: Scenografia
Area disciplinare: Tecnologie per le arti visive
Settore scientifico disciplinare: ABTEC 41
Descrizione corso:

Il corso di Rendering 3D è svolto in co-docenza fra il prof. Alessandro De Masi e il prof. Riccardo Gagliarducci


Modulo 1 (De Masi)

Obiettivi dell’insegnamento

L’obiettivo del modulo consiste nel fornire l’acquisizione di metodi e tecniche di modellazione indispensabili per la rappresentazione tridimensionale di scenografie mediante l'utilizzo di strumenti digitali di modellazione 3D. Ciò sarà fondamentale per apprendere la gestione e il controllo del processo di creazione e realizzazione di modelli digitali tridimensionali per lo spazio cinematografico e teatrale.

Argomenti Trattati

  • Introduzione al disegno digitale. Principali differenze tra grafica raster e grafica vettoriale;
  • Cenni sull'hardware e basi di informatica per la modellazione;
  • Panoramica sulle applicazioni di modellazione, modellazione solida e per superfici, modellazione parametrica e applicazioni avanzate BIM;
  • Introduzione all’uso di modellatori tridimensionali: entità geometriche minime, metodi di modellazione (wireframe, superfici, poligonali, solidi, feature-based, parametrici, ibridi, etc.);
  • Modalità di modellazione digitale: modellazione mesh e poligonale, modellazione NURBS, modellazione generativa, cenni sulla modellazione automatica;
  • Modellazione 3D e gestione del modello con 3dS Max: ambiente di lavoro, sistemi e strumenti di visualizzazione, gestione del file;
  • Forme primitive – Trasformazioni – Aggregazione degli elementi – Modificatori ed editing- Importazione e gestione delle geometrie (formati di interscambio);
  • Operazioni Booleane;
  • Generazione e modifica di elementi geometrici tridimensionali: generalità, tipologie di curve e superfici (Bézier, B-spline, NURBS, etc);
  • Generazione, trasformazione e valutazione di curve e superfici tridimensionali. Modellazione poligonale;
  • Scalabilità parametrica del livello di dettaglio del modello poligonale;
  • Organizzazione del modello in Gruppi o Layer;

Modalità di valutazione

Il modulo è organizzato in lezioni teoriche di base in merito ai principi della modellazione e tutorial illustrativi sull’utilizzo degli strumenti di modellazione digitale per la realizzazione dell’ esercitazione finale. La verifica dell'apprendimento dello studente avverrà attraverso il compimento di una esercitazione eseguita individualmente.


Modulo 2 (Gagliarducci)

Obiettivi dell’insegnamento

Il modulo mira a introdurre lo studente all'utilizzo di software di rendering tridimensionale: lo studente acquisisce la teoria e le competenze necessarie alla gestione di un flusso di lavoro in cui tutti gli elementi della scena virtuale (oggetti, sorgenti luminose, materiali), concorrono alla generazione di immagini digitali. Attraverso lo studio del processo di produzione del rendering verranno affrontate le problematiche di rappresentazione e comunicazione tramite le tecnologie digitali.

Le nozioni apprese durante il corso, mirano a fornire allo studente le basi per approcciarsi a qualsiasi software di rendering.

Argomenti Trattati

  • Il processo di rendering bidimensionale e tridimensionale.
  • Accuratezza o tempo reale: il path tracing, i videogiochi e il rendering npr.
  • Dettagli di vari motori di rendering open source e commerciali.
  • Utilizzo del programma Blender: l'interfaccia e i principali comandi.
  • Importazione ed esportazione da altri software.
  • La gestione del modello e le interfacce a nodi.
  • Caratteristiche della luce. Parametri e ottimizzazione.
  • Caratteristiche della camera virtuale.
  • Caratteristiche della scena: luci ambientali e volumi. Creazione e uso.
  • Caratteristiche dei materiali per superfici e volumi.
  • Creazione e uso di textures per determinare le proprietà dei materiali.
  • Caratteristiche del render: le proprietà dell'immagine digitale.
  • Rappresentazione del colore, canali di informazione
  • Formati dei file, compressione e perdita di dati.
  • Ottimizzazioni, processi e considerazioni sull'hardware.
  • Il compositing.
  • Gli utilizzi e i principali software di compositing open source e commerciali.
  • I nodi principali e la gestione dell'immagine.

Modalità di valutazione

Durante il corso continue esercitazioni permetteranno di testare sul campo le varie competenze acquisite.

La verifica dell'apprendimento dello studente avverrà attraverso il compimento di una esercitazione eseguita individualmente.

Bibliografia:

Chuck Eastman, BIM handbook: a guide to building information modeling for owners, managers, designers, engineers, and contractors, Hoboken: Wiley, 2011 ed. it.

Chuck Eastman, il BIM guida completa al Building Information Modeling per committenti, architetti, ingegneri, gestori immobiliari e imprese. Milano: Hoepli, 2016

Riccardo Migliari, Geometria Descrittiva, Vol. II, Editore: Città Studi, 2009

Emiliano Segatto, Stella Morici, Autodesk 3DS Max 2019. Guida per architetti, progettisti e designer, Tecniche Nuove, Milano 2018

Peter Shirley, with Michael Ashikmin et al., Fundamentals of computer graphics, Wellesley: A K Peters, 2005

Frederik Steinmetz, The Cycles Encyclopedia (e-book), disponibile al sito: https://www.blenderdiplom.com/en/cycles-encyclopedia.html

Visual Effects Society, The VES Handbook of Visual Effects, ed. Jeffrey A. Hokun, Susan Zwerman (Focal Press, 2015)

Manuale di Blender, disponibile al sito: https://docs.blender.org/manual/en/latest/index.html

 

Orari:

Le lezioni saranno a settimane alternate, il Lunedì e il Venerdì. Di seguito tutte le date delle lezioni.

Con il prof. Gagliarducci in aula C28b i lunedì delle settimane dispari (dalle 09.15 alle 18.30), nel dettaglio
1 – 11 Marzo (presentazione)
3 – 25 Marzo
5 – 8 Aprile
8 – 6 Maggio
10 – 20 Maggio
12 – 3 Giugno

De Masi in aula C28b i venerdì delle settimane pari (dalle 8.30 alle 18.30), nel dettaglio
2 – 22 marzo
4 – 5 aprile
6 – 19 aprile
7 – 3 maggio
9 – 17 maggio

Orario di ricevimento:

L'orario di ricevimento è su appuntamento, preferibilmente ai margini delle lezioni.

Previsti esoneri: No
Previste revisioni: No
Altre informazioni:
<   Torna ai programmi