Programma della disciplina: Storia e metodologia della critica d’arte


Disciplina: Storia e metodologia della critica d’arte
Docente: Edoardo, Di Mauro
E-mail: edoardo.dimauro@albertina.academy
Livello: triennio
Piani di studio di riferimento: pitturasculturagraficadidattica
Area disciplinare:
Settore scientifico disciplinare:

ABST52

Descrizione corso:

Il corso di “Storia e metodologia della critica d’arte “ è certamente importante per la formazione degli studenti dell’Accademia di Belle Arti.
Questo è facilmente intuibile se ci si sofferma sulla tipologia dello studente che opta per l’iscrizione all’Accademia, ancora di più alla luce del recente ricongiungimento al livello universitario, sebbene con iter tormentato e non ancora compiuto. Il corso di “Storia della critica “, infatti, ottempera ad una duplice esigenza, tale da appagare sia chi si iscrive con l’ambizione di dedicarsi alla pratica dell’arte o di altre professioni legate alla creatività, sia gli studenti desiderosi di approfondire un tirocinio soprattutto teorico e di esercitare, in un futuro prossimo, il non facile ed attualmente ambito mestiere di critico d’arte contemporanea, così come professioni ad esso collegate quali la didattica, la conservazione dei beni culturali, oppure il curatore di museo, il giornalista, o l’addetto alle pubbliche relazioni artistiche.
Questo perché la critica è diventata, nel bene e nel male, elemento centrale del complesso sistema dell’arte contemporanea. Quindi uno studente dell’Accademia, nella generalità dei casi, vi si imbatterà comunque, come artista o come individuo desideroso di impadronirsi dei rudimenti del mestiere, ferma restando quella superiore capacità intuitiva che sola può distinguere la grande critica, quella destinata a lasciare il suo segno su di un epoca.
Il corso si propone l’obiettivo ultimo di far comprendere come si sia arrivati a questo punto, quali sono i meccanismi che governano la critica d’arte contemporanea. Per giungere a ciò si partirà da molto lontano, non si approfondirà un singolo argomento a scapito di altri, per meglio rendere consci gli studenti della complessità, non casualità e ciclica ricorrenza degli eventi artistici. Sarà svolto un programma articolato, a partire dall’estetica classica greca e medievale, per giungere alle vicende dei giorni nostri. Questo perché l’esercizio della critica per lungo tempo si è inteso come attività divulgativa e speculativa, attorno all’arte ed agli artisti, condotta da personaggi di vario livello che non la intendevano, né avrebbero potuto farlo, come autonoma professione. La mutazione in questo senso avverrà a partire dalla definitiva acquisizione del concetto di autonomia dell’arte, quindi alla metà circa del Settecento, ed alla di poco successiva rivoluzione strutturale determinata dall’avvento della società industriale moderna, su di un cammino che scorre sempre più impetuoso lungo l’Ottocento ed il Novecento appena trascorso, ma nel quale siamo in realtà ancora calati, trovandoci tuttora a vivere una fase tipica di “fine secolo “.
Quindi, per affrontare le tematiche della critica “militante “ attuale, fenomeno che conosce in Italia una particolare caratterizzazione, si svilupperà un programma sincronico . Nella prima parte si affronterà il concetto di critica d’arte nella lunga fase della premodernità, partendo dall’estetica antica e medievale, per passare gradualmente ad approfondire il Rinascimento, il Manierismo, la stagione barocca, verificando la condizione del dibattito critico e la speculazione filosofica sull’arte, correlando il tutto alla parallela evoluzione dello stile e delle forme. Saranno poi analizzati aspetti fondamentali della storia della critica, anche in riferimento alle ripercussioni che ebbero nella successiva stagione contemporanea, quali il graduale delinearsi dell’autonoma professionale di questa disciplina, con le prime figure di filologi e storici dell’arte, e lo spazio sempre maggiore concesso alla recensione in presa diretta degli eventi, complice il sommovimento sociale seguito alla Rivoluzione Industriale, fenomeno particolarmente evidente nella Francia dei “Salons”, dalla seconda metà del ‘700 a tutto l’800. In questo contesto sarà concesso particolare rilievo all’analisi di figure intellettuali quali Charles Baudelaire e John Ruskin in grado, in Francia ed in Inghilterra, di anticipare quel rapporto di stretto connubio esistenziale con l’arte e gli artisti che costituirà la parte migliore e più autentica della critica novecentesca. La seconda parte sarà interamente dedicata ad un secolo contraddittorio e ricco di eventi come il Novecento, fondamentale per il rinnovamento del linguaggio dell’arte, che riesce ad emanciparsi dal naturalismo e dal vincolo prospettico e bidimensionale, a sua volta analizzato in due distinte fasi. La prima dalla stagione delle avanguardie storiche al 1945, con una disamina delle principali figure di storici dell’arte quali, tra gli altri, i due Venturi, Longhi, Berenson, Warburg, Panofsky, la teoria formale di Wolfflin. Inoltre si compierà una verifica parallela delle posizioni di due intellettuali atipici e, all’apparenza, antitetici come Marinetti e Benjamin, entrambi in grado di comprendere gli effetti rivoluzionari per l’arte e l’estetica arrecati dal grande sviluppo tecnologico e comunicativo.Sarà poi la volta del secondo ‘900, fino ai giorni nostri, dove si afferma sempre di più un concetto ed una pratica della critica come testimone ed ordinatrice della contemporaneità, con la figura, un tempo predominante, dello storico dell’arte, relegata ad un ambito sempre importante, ma ormai specialistico. Si partirà dalla stagione dell’Informale, per passare a quella pop e concettuale, ed approdare a quel lungo “fine secolo” iniziato dopo il 1975, con il ritorno alla pittura ed il ricorrente fenomeno della citazione, fino ai giorni nostri, caratterizzati da un eclettismo stilistico e dalla globalizzazione ormai planetaria di stili e di tendenze. In parallelo le vicende e la teoria della critica militante, in particolare quella italiana, unica per livello di creatività ed intuizione, ma anche per disomogeneità ed endemica conflittualità, sullo sfondo di un sistema che, nell’ultimo ventennio, si è distinto per volontà tenace di conservazione dei valori stabiliti e per sudditanza nei confronti dei meccanismi che presiedono il sistema internazionale dell’arte.

LEZIONE FRONTALE MERCOLEDI SECONDO SEMESTRE AULA C34 ORE12.30-14.00

.
Durante l’esame sarà richiesta una conoscenza orale degli argomenti.

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA CONSIGLIATA :

Lionello Venturi : “Storia della critica d’arte “ editore Einaudi
Gianni Carchia : “L’estetica antica “ Editori Laterza
Mariateresa Fumagalli : “L’estetica medievale” editore il Mulino
Graziano Lingua : “L’icona, l’idolo e la guerra delle immagini” editore Medusa
Renato Barilli : “Scienza della cultura e fenomenologia degli stili “ nuova edizione editore Bononia University Press
Renato Barilli : “Corso di Estetica “ editore il Mulino
Renato Barilli : “L’alba del contemporaneo” editore Feltrinelli
John Ruskin : “Turner e i Preraffaelliti “ editore Einaudi
Charles Baudelaire : “La critica d’arte “ Editori Riuniti
Oscar Wilde “ “Il critico come artista” da “I Meridiani Mondatori”
F.T.Marinetti : “Teoria ed invenzione futurista “ (a cura di Renato De Maria ) Mondadori Editore
Walter Benjamin : “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” editore Einaudi
C. L.. Ragghianti : “Profilo della critica d’arte in Italia “ editore Vallecchi
G. C. Sciolla : “La critica d’arte del Novecento “ editore Utet
Luciano Anceschi : “Autonomia ed eteronomia dell’arte” editore Garzanti
AA. VV. : “ L’arte in Italia nel secondo dopoguerra “ editore il Mulino
Renato Barilli “Storia dell’arte contemporanea in Italia” Bollati Boringhieri
Mario Perniola : “I Situazionisti” editore Castelvecchi
AA.VV : “Tapiè : un art autre” editore Fratelli Pozzo
Germano Celant : “Arte Povera più azioni povere “ editore Rumma
Germano Celant “Coerenza in coerenza : dall’Arte Povera al 1984” editore Mondadori
Renato Barilli : “Tra presenza ed assenza : due ipotesi per l’età postmoderna” editore Bompiani
Renato Barlli : “Il ciclo del postmoderno” editore Feltrinelli
Achille Bonito Oliva : “Autocritico automobile”” editore Cooper Castelvecchi
Achille Bonito Oliva : “La Transavanguardia italiana” editore Politi
Filiberto Menna : “Critica della critica” editore Feltrinelli
Jean Francois Lyotard : “La condizione postmoderna “ editore Feltrinelli
Jeffrey Deitch “Post Human” edizioni Castello di Rivoli
Mario Perniola : “L’arte e la sua ombra “ editore Einaudi
AA.VV. “Apollo e Dioniso in lotta” edizioni Liceo Artistico Statale di Piacenza
Edoardo Di Mauro : “Va’pensiero. Arte Italiana 1984/1996 “ editore Fratelli Pozzo
Edoardo Di Mauro . “Interni Italiani” Adriano Parise editore
Edoardo Di Mauro : “Una Babele Postmoderna : realtà ed allegoria nell’arte italiana degli anni ‘90” editore Mazzotta
Edoardo Di Mauro “Il Museo d’Arte Urbana di Torino” edizioni MAU Torino 2004
Domenico Scudero “Manuale del curator” Gangemi editore
Alessandro Dal Lago Serena Giordano “Mercanti d’aura” edizioni il Mulino
Giuseppe di Giacomo & Claudio Zambianchi ( a cura di) “Le origini dell’opera d’arte contemporanea” Laterza editore
Arhur C. Danto “La trasfigurazione del banale. Una filosofia dell’arte” Laterza editore.
Claudio Cerritelli “Critica in dialogo” Mazzotta Editore
Edoardo Di Mauro “Un’Altra Storia .Arte Italiana dagli anni Ottanta agli anni Zero” Edizioni EMB Torino
Edoardo Di Mauro “Un’Altra Storia 2. Arte Italiana 1980-1990” Bertani Editore
Renato Barilli “Arte e Cultura materiale in Occidente” Bollati Boringhieri Editore
Walter Benjamin “Aura e choc. Saggi sulla teoria dei media” Piccola Biblioteca Einaudi
Hans Ulrich Obrist “Breve storia della curatela” Postmedia@books
Serena Giordano “Disimparare l’arte” Il Mulino
Stefania Zuliani “Esposizioni. Emergenze della critica d’arte contemporanea” Bruno Mondadori Editore
Alexander Alberto “Arte Concettuale e strategie pubblicitarie” Johan & Levi Editore
Marco Meneguzzo “Breve storia della globalizzazione in arte” Johan & Levi Ediore
Federico Vercellone “Dopo la morte dell’arte” Editore il Mulino
Renato Barilli “Tutto sul postmoderno” Guaraldi Editore
Roberto Gramiccia “Slot Art Machine” DeriveApprodi Editore
Tiziana Andina “Filosofie dell’arte. Da Hegel a Danto” Carocci Editore
Luca Taddio “I due misteri : da Magritte alla natura della rappresentazione pittorica” Mimesis Edizioni
Dal Lago-Giordano “L’artista e il potere. Episodi di una relazione equivoca” Editore Il Mulino
Michele Dantini “Geopolitiche dell’arte” Christian Marinotti edizioni
Andrea D’Ammando-Matteo Spadoni “Letture dell’informe” Lithos Editore
Andrea Mecacci “Il kitsch” Editore Il Mulino
Mario Perniola “L’avventura situazionista” Mimesis Editore
Giancarlo Pagliasso “Il deficit estetico nell’arte contemporanea” Marcovalerio Editore

Per sostenere l’esame è necessario acquistare la seconda edizione del saggio di Edoardo Di Mauro “Vocazione e progetto. Storia ed attualità della critica d’arte” Prinp Editore Torino, costo euro 22,00. Il testo è reperibile on line su www.prinp.com.
Il docente consiglia di prenotare il saggio e di farselo consegnare direttamente in aula al prezzo scontato di Euro 20,00. Ciò avverrà nelle prime lezioni.
Alla sessione d’esame sarà obbligatorio presentarsi con una copia della seconda edizione del saggio.
Sono tassativamente vietate fotocopie dello stesso pena il rinvio alla sessione successiva.

Per comunicazioni con il docente :

335 6398351 edoardodimauro@tiscali.it

Orari

Secondo semestre

Mercoledì: 12:30 - 14:00

Orario di ricevimento:

Primo semestre martedì e mercoledì ore 10-13
Secondo semestre su appuntamento

Previsti esoneri: No
Previste revisioni: No
Altre informazioni:
Torna ai programmi